TIZIANA TUNDO

tizianatundo@tradizionefuturo.com

Rapporti con aziende agricole area Sud.
Rapporti con le frazioni di Sgrilla e Sgrillozzo.

 

Cara Marsiliana,
sono nata a Orbetello, ma da trent’anni vivo nella tua campagna. Ho un’impresa agricola, insieme a mio marito e mio figlio. Floricola, la nostra azienda, è la dimostrazione che “tradizione e futuro” possono coesistere. Fino a quindici anni fa si coltivava a grano e foraggi e avevamo le pecore. Poi, nel 2001, siamo entrati in un mondo agricolo
completamente nuovo, riconvertendoci al biologico e puntando sulle erbe aromatiche e sulla floricoltura con le bacche di rosa. Due anni dopo abbiamo recuperato un’antica
coltivazione – quella dello zafferano – che era completamente scomparsa dal territorio. Ho creduto molto in questa scelta, anche se lavorarlo e commercializzarlo non è così facile,per la concorrenza dei paesi asiatici e le regole burocratiche che cambiano da regione a regione. Ma non ho mollato e la prova qualità ci ha dato ragione. Territorio e Comune ci hanno aiutato: il Caseificio sociale ha inventato un formaggio con i nostri pistilli, e la decisione di fare la “Sagra dello zafferano” ha avuto un successo davvero inaspettato. Ricordo ancora la prima sera della prima edizione: a un’ora dall’apertura era già finita tutta la scorta dell’ingrediente principale! L’incidente ci ha però portato fortuna. Abbiamo puntato sull’innovazione: sto in cucina anch’io, e con una piccola squadra di cuochi volontari abbiamo provato e riprovato nuove ricette, allargando il menu dei piatti tipici maremmani.
Da circa dieci anni faccio parte del consiglio dell’Associazione sportiva dilettante Marsiliana e da cinque ne sono il presidente. Ho cercato, con l’aiuto degli altri consiglieri, di far diventare il campo sportivo un punto di riferimento per i tuoi giovani. L’anno scorso è stato di grande soddisfazione, perché oltre alla prima squadra si è formata una squadra di calcio amatoriale e un gruppo di bambini che fa ginnastica. Ma la cosa veramente sorprendente è la squadra femminile di calcetto A5, riconosciuta dalla Figc, unica nella provincia di Grosseto. Ci siamo accorti della visibilità che ha portato e del ritorno economico per agriturismi e ristoranti. Sono sicura che lo sport, oltre che essere un punto di aggregazione fondamentale, può portare beneficio anche a livello economico.
Riflessione: non bisogna aver paura di cambiare, sì, è impegnativo, è rischioso, bisogna metterci il massimo dell’impegno e anche di più. La mia azienda se fosse rimasta a
quindici anni fa non avrebbe dato la possibilità a mio figlio di rimanere nell’agricoltura. E ancora: la creazione della squadra femminile ha dato una spinta in più alla società sportiva, cambiando un mondo finora prettamente maschile. I cambiamenti servono per crescere! Il massimo impegno verso i miei concittadini lo darò anche all’interno
dell’amministrazione comunale, come credo di aver dimostrato negli anni. E ci tengo in particolare al mondo dei giovani, che sono in assoluto il nostro futuro.